+39 348 9983871

Da qualche giorno viviamo una situazione al limite dell’assurdo, di quelle che di solito vedi al Telegiornale e pensi sempre che siano troppo distanti da te per toccarti in prima persona.

Per chi come noi vive di turismo, sono giorni di particolare apprensione, perchè quello che è il nostro lavoro quotidiano è diventato un’ardua impresa: proporre e vendere il brand Italia e nel nostro caso Napoli.

Le sensazioni sono queste: il turismo degli italiani è completamente paralizzato. I turisti stranieri che sono già in città stanno vivendo il loro soggiorno in maniera tranquilla senza evitare le solite tappe; chi invece doveva partire nei prossimi giorni (già nel weekend) sta cancellando ogni prenotazione. Chi ovviamente deve pianificare ancora un viaggio ci pensa su due volte prima di acquistare un volo in direzione Italia. Oltre ai singoli che viaggiano autonomamente, ciliegina sulla torta, le agenzie e i Tour Operator all’estero hanno iniziato a sconsigliare l’Italia.

Infine, le scolaresche, che pure rappresentano un’ottima fetta di mercato turistico in questo periodo, stanno cancellando i viaggi di istruzione in programma verso l’Italia.

Riportando tutto questo in dati, Ettore Cuccari, presidente della Federazione Agenti di Viaggio Campania, parla di diecimila presenze in meno per le sole gite scolastiche. Federalberghi Napoli segnala che in zona Stazione un Hotel ha visto la cancellazione di 300 camere da gruppi organizzati e 50 da singoli.

Cosa possiamo fare noi, operatori culturali e turistici?

Aspettiamo tempi migliori, ma non inermi.

Sicuramente la comunicazione mondiale in questo momento non ci aiuta e qualsiasi forma di aggregazione comunicativa locale può sembrare un vano tentativo, ma nel nostro piccolo ognuno faccia il suo e continui a promozionare la propria attività e il brand Napoli.

Grazie al turismo abbiamo raggiunto risultati eccezionali ed insperati: li abbiamo raggiunti innanzitutto noi privati, associazioni, fondazioni, imprese.

Teniamo duro e “Pigliammoce ‘na pastiglia”.

Mimmo Matania

 

 

 

 

 

Related Posts

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *