+39 348 9983871

Aniello Califano il poeta viveur tra cafè-chantant, sciantose e madame

 

Di Giovanni Battista

Oggi parliamo di un autore ritenuto uno dei più prolifici della canzone napoletana. Nato a Sorrento il 19 gennaio del 1870, il poeta crebbe in una famiglia benestante e possidente di diversi terreni. Si trasferì a Napoli nel 1887 in una stanza al vicoletto Chianche (di fronte all’attuale molo Carlo Pisacane) che gli affittò suo padre, il quale era solito consigliargli le letture poetiche più in voga a quei tempi. Califano prediligeva le poesie di Di Giacomo e di Ferdinando Russo che riuscirà ad incontrare: sarà proprio quest’ultimo ad incoraggiarlo all’attività poetica. Iniziò così nel 1891 con uno dei suoi primi successi “Voglio Siscà!” presentato al Salone Margherita dalla coppia Bernardo Cantalamessa – Ersilia Sampieri. Viene ricordato soltanto per pochi suoi testi come “Chiarastella”, “Serenata A Surriento”, “Niny Tirabusciò!”, “‘O Surdato ‘Nnammurato” e “Tiempe Belle”. È per questo che oggi vi proporrò tre brani che furono ispirati e scritti proprio nel periodo in cui era solito frequentare tutti i cafè-chantant più celebri dell’epoca…

 

Madama Quatturà (Califano, Gambardella 1901)

 

Parte I

Signori, io so’ Madama Quatturà

E so’ dicisa ‘e metterme a ccantà;

Capisco ca mo so’ ‘na nullità,

V’arraccumanno ‘e nun me pernacchià.

Tra lla lla lla

So’ Madama Quatturà

Tra lla lla lla

Pazza p’ ‘o cafè sciantà!

Tra lla lla lla

Tacco e pponte saccio fa,

Tra lla lla lla

Mett’ ‘a coppa e v’ it’ ‘a sta.

 

Parte II

Appena s’è saputo p’ ‘a città,

Ognuno me vuleva scritturà,

E come! Ancora debbo debuttà,

E già vanno truvanno ‘a… Quatturà!

Tra lla lla lla

So’ Madama Quatturà

Tra lla lla lla

Pazza p’ ‘o cafè sciantà.

Tra lla lla lla

Tutt’ ‘e bballe saccio fa,

Tra lla lla lla

Mett’ ‘a coppa e v’ it’ ‘a sta.

 

Parte III

Il mappamondo tutto aggia girà,

E ccose ‘e pazze voglio cumbinà,

Con quattro milioni aggia turnà,

Allora apprezzerete ‘a Quatturà!…

Tra lla lla lla

Io sarò celebrità,

Tra lla lla lla

Stella dei cafè sciantà.

Tra lla lla lla

Tutto il mondo griderà:

Tra lla lla lla

“Viva sempe ‘a Quatturà!”

 

 

‘E Ssurelle Farbalà (Califano, Gambardella 1902)

 

Parte I

‘Ncopp’ ‘e Cchianche ‘a Carità

Stanno ‘e casa ‘e Farbalà;

So’ ddoje sore, ‘a verità,

Brutte cchiù d’ ‘a ‘nfamità!

Un’ ‘e chelle, ‘Onna Nanà,

Cinquant’anne ‘e ttene già;

E chell’ata, ‘Onna Sciusciù

Poco meno, o poco cchiù

‘Sti ddoje ppiccerelle

Mo se vonno mmaretà!

‘Sti ccape ‘e mazz’ ‘e ‘mbrelle,

Pe’ ssapè, chi ‘e bbo’ guardà?

‘E vvide p’ ‘a città

Nott’ ‘e gghiuorno a ccà e a llà;

Se jéssene a piazzà

‘O museo p’ ‘antichità!

 

Parte II

E chi a Napule nun sa,

Ch’ ànno fatto ‘e Farbalà

Na ventina d’anne fa

‘Ncopp’ ‘e Cchianche ‘a Carità!

Tutt’ ‘e notte, sucietà,

Canto, museca e bballà;

Chilli povere sufà

Fann’ ‘overo ‘na pietà!

‘Sti ddoje ppiccerelle

Mo se vonno mmaretà!

‘Sti ccape ‘e mazz’ ‘e ‘mbrelle,

Pe’ ssapè, chi ‘e bbo’ guardà?

‘E vvide p’ ‘a città

Nott’ ‘e gghiuorno a ccà e a llà;

Se jéssene a piazzà

‘O museo p’ ‘antichità!

 

Parte III

Chelli vocche, uh! Mamma ma’,

Che sapevano caccià,

Si arrivavano a ‘ncuccià

‘E turische e ‘e franzuà.

E n’è sciuliato argià

Dint’ ‘e mmane ‘e chelli llà

Ma tutt’ ‘o ‘nfinfirinfì

Se ne va ‘nfanferanfà!

‘Sti ddoje ppiccerelle

Mo se vonno mmaretà!

‘Sti ccape ‘e mazz’ ‘e ‘mbrelle,

Pe’ ssapè, chi ‘e bbo’ guardà?

‘E vvide p’ ‘a città

Nott’ ‘e gghiuorno a ccà e a llà;

Se jéssene a piazzà

‘O museo p’ ‘antichità!

‘Sti ddoje ppiccerelle

Mo se vonno mmaretà!

‘Sti ccape ‘e mazz’ ‘e ‘mbrelle,

Pe’ ssapè, chi ‘e bbo’ guardà?

‘E vvide p’ ‘a città

Nott’ ‘e gghiuorno a ccà e a llà;

Se jéssene a piazzà

‘O museo p’ ‘antichità!

 

 

 

 

 

Madama Chichierchia (Califano, Gambardella 1903)

 

Parte I

‘Ncopp’ ‘o vico Sergente Maggiore

ce sta ‘e casa Madama Chichierchia.

È nu tipo ch’ ‘ha fatto furore,

‘e giurnale ll’ha fatte parlá.

‘O marito, ‘on Filippo Cupierchio,

‘o negozio, ‘o teneva a Tulèto

e nun ghiéva né annanze e né arreto,

‘a Chichierchia ‘o facette fallí.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Diente ‘mmocca nun tene cchiù

e vò’ ancora ‘o zùchetezù.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Pile ‘ncapa nun tène cchiù

e vò’, a forza, ‘o zùchetezù.

 

Parte II

‘Sta Madama n’ha fatto tulette:

feste, balle, triate, carrozze.

Chelli ggamme hanno fatto zumpette,

se n’ha sciso cannuole e babá.

E mo tène nu cuófano d’anne,

e vulesse fá ancora ‘a ragazza.

Se ‘nfarina, s’alliscia e ‘mpupazza

e va a caccia d’ ‘e belli garson.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Diente ‘mmocca nun tene cchiù

e vò’ ancora ‘o zùchetezù.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Pile ‘ncapa nun tène cchiù

e vò’, a forza, ‘o zùchetezù.

 

Parte III

N’anno fa, steva proprio ‘mpalicco

chella ‘mpesa ‘e madama arruzzuta,

ma murette nu zio straricco

e Chichierchia turnaje a saglí.

‘O marito è ciuncato cu ‘e ggamme

e Madama ha truvato ‘e cascante.

Essa ‘o ppiglia a muneta cuntante,

ma ‘e cuntante c’ ‘e ffanno cacciá.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Diente ‘mmocca nun tene cchiù

e vò’ ancora ‘o zùchetezù.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Pile ‘ncapa nun tène cchiù

e vò’, a forza, ‘o zùchetezù.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Diente ‘mmocca nun tene cchiù

e vò’ ancora ‘o zùchetezù.

Madama Chichierchia ‘a ccá,

Madama Chichierchia ‘a llá.

Pile ‘ncapa nun tène cchiù

e vò’, a forza, ‘o zùchetezù.

Related Posts

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *