+39 348 9983871

Canzone napoletana – guerra, tra conquiste e sofferenze di

di Giovanni Battista

Canzone napoletana – guerra, tra conquiste e sofferenze. Si sa, la canzone napoletana ha affrontato innumerevoli tematiche, tra le tante c’è anche quella della guerra e la descrizione di cosa sia accaduto durante e dopo un determinato evento storico.

A proposito di Canzone napoletana – guerra, tra le canzoni più famose ed universalmente conosciute, dedicate al tema c’è inevitabilmente “‘O Surdato ‘Nnammurato” del binomio Califano – Cannio, (ricordiamo che quest’anno ricorre il centenario dalla morte di Aniello Califano) in cui un soldato impegnato a combattere per la propria patria appena entrata in guerra, si strugge di dolore per la lontananza della sua innamorata.
L’obiettivo però di questi miei articoli è proporvi canzoni meno conosciute, che descrivono alcuni momenti storici ben precisi.

Vi proporrò, dunque, tre testi di brani meno noti che vanno dal 1885 al 1887, riguardanti proprio battaglie e conquiste:

  • Il primo datato 1885 è “Italia Ad Assab” di Nicola Prisco e Vincenzo Capotorti, testo in cui si narra della partenza delle truppe italiane, alla conquista di Assab, una città portuale dell’Eritrea.

Parte I

Iammo, amice, a mmare, a mmare,

Non sentite la trommetta

Che nce chiamma? Pe sarpare

Sulo a nnuje la flotta aspetta?

Pe l’Assabba nce mbarcammo,

Pecchè ghiammo ognuno sa.

Co lo buono o co la guerra

Chella terra ad educà?

Statte bona te dicimmo,

Bella Italia, nuje partimmo…

Tutte nuje sibbè lontano

Pensarrammo sempe a ttè:

Chisto cor’ ‘e italiano…

Viva Italia e viv’ ‘o Rrè!…

 

Parte II

Addò vanno sti sordate

Che nce fanno li cannune?

Li sarvagge scammesate

Lli pigliammo a scoppolune!…

E chi amico nc’è verace

Co nnuje mpace sempe stà

Ma a chi cerca farce tuorte

Guerra a mmorte stammo a ffà.

Si che nuje d’ogne manera

Nce portammo la bannera.

Mè, compagne, tutte aunite

Alluccate appriesso a mme

Co quant’anema tenite

Viva Italia e viv’ ‘o Rrè!…

 

Parte III

Mariannì, co tte l’ammore

Fa non pozzo, t’avea ditto;

De l’Italia è chisto core,

De l’armata io so coscritto.

Mo che buò? Te lo diceva

Che parteva pe ghì llà

Addò frate nce hanno accise

Chille mpise co viltà!

Ah! D’arraggia e da dispietto

Sento sbollerme lo pietto.

Ma co scoppole e chianette

Nuje chi simme ha da vedè

Chella mmorra de mamette…

Viva Italia e viv’ ‘o Rrè!…

 

  • Ancora Canzone napoletana – guerra. Il secondo datato 1887 è “Pe’ L’Afreca Currimmo!”, testo e musica di Bernardo Cantalamessa. Si narra della colonizzazione dell’Africa Orientale da parte delle nostre truppe, le quali vorrebbero sconfiggere Ras Alula, il comandante dell’esercito etiope.

 

Parte I

Evviva ‘o ministero!

Che bella mprovvesata!

È ricca la trovata,

Retè, guardela cca?

Co sto cappiello a cupola,

Sta mantellina nera,

De guappe n’autra schiera

È stato isso a formà

Tà tà tà tà tà tà tà,

Tà tà tà tà tà tà tà,

Chisto costume è nuovo,

Che bello figurino,

Stu scicco pennacchino

Simpatico è a guardà

Chisto costume è nuovo,

Simpatico è a guardà.

Tà tà tà tà tà tà tà,

Simpatico è a guardà

bum!

 

 

Parte II

Pe l’Afreca currimmo!

Lu saie e tant’abbasta,

Tenimmo ‘e mmane mpasta,

Avimmo da mpastà!

Se sa che Ras-Alulà

L’ha fatta a trarimento,

Mo vene lu mumento

Che cara ‘a pavarrà:

Nun penza certamente,

Chillo salamelecco,

Che comm’a franfellicco

L’avimmo ‘a fa squaglià

Tà tà tà tà tà tà tà,

L’avimmo ‘a fa squaglià.

 

Parte III

Nun chiagnere Retella,

L’affare è dichiarato:

A chi nce l’ha ficcato

L’avimmo da ficcà!

Nuie vinciarrammo certo

Chilli quatte pezzienti,

Armati nfì a li dienti

Mo tutti iammo llà:

No nun c’è sta pavura,

Già s’è penzato a tutto,

Sicuro è lo costrutto,

Nun c’è da dubità

Tà tà tà tà tà tà tà,

Nun c’è da dubità.

 

 

  • Il terzo, datato sempre 1887 è “‘A Retirata”, testo di Salvatore Di Giacomo, musica di Mario Costa. Di Giacomo scrisse questa poesia ispirandosi ad un tragico evento realmente accaduto, la “Battaglia Di Dogali”, combattuta il 26 gennaio dello stesso anno. Da allora questa canzone divenne la marcia ufficiale di tutti i soldati che al porto di Napoli, si imbarcavano per andare alla conquista dell’Africa nord-orientale.

 

Parte I

Gioia bella,

Pe’ te vedé,

Ch’aggio fatto

nun può sapé.

Si putesse parlà stu core,

quanta cose vulesse dì,

ma, chiagnenno pe’ lu dulore,

io mm’ ‘o scippo, pe’ nn’ ‘o sentì!

Napule e nénne belle,

addio v’avimm’ ‘a dì…

Sentite ‘a retirata?

Ce n’avimmo da trasì!

 

Parte II

Dice ‘a gente,

parlanno ‘e me,

ca si parto

mme scordo ‘e te!

A ‘sta gente, stu core mio

pe’ risposta tu fa’ vedè.

E dincello ca, si part’io,

tiene ‘mmano nu pigno ‘e me.

Napule e nénne belle,

addio v’avimm’ ‘a dì…

Sentite ‘a retirata?

Ce n’avimmo da trasì!

 

Parte III

Gioia bella,

te ll’aggi’ ‘a dì

ca dimane

s’ha da partì!

Statte bona, può stà sicura,

cu ‘a medaglia voglio turnà!

A stu core tiénece cura,

si nun torno, nun ‘o jettà!

Napule e nénne belle,

addio v’avimm’ ‘a dì…

Sentite ‘a retirata?

Ce n’avimmo da trasì!

Related Posts

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *