+39 348 9983871

La canzone napoletana tra fiori, giardini ed amore

Di Giovanni Battista

La primavera (anche se è un po’ incerta quest’anno) avanza e l’estate a poco a poco s’avvicina. Siccome durante questi mesi, i fiori, i giardini e gli alberi fioriscono (anche l’amore come vedremo tra poco), oggi parleremo proprio del legame tra la Canzone Napoletana e i giardini, grazie a due bei testi che vi proporrò: uno molto più celebre, l’altro meno conosciuto.

Il primo è del 1885, scritto da Salvatore Di Giacomo e s’intitola “Era De Maggio”, la cui musica venne composta da Mario Costa che decise di dedicarla alla sua amata Carolina Sommer; il secondo s’intitola “‘O Ciardeniello Mio!” e rappresenta il primo componimento poetico di un ragazzo di diciotto anni, Vincenzo Russo, il “poeta calzolaio” che era solito dedicare i suoi testi alla ragazza da lui amata, Enrichetta Marchese. Nel corso della sua breve vita (ricordiamo che si spense tra le mura della sua casa a Piazza Mercato 17 a soli 28 anni, morte causata da una grave tubercolosi) Vincenzo Russo ha scritto tanti bei testi, tra cui i primi compaiono i fiori: tra questi “‘A Serenata D’ ‘E Rrose”, “I’ Te Vurria Vasà!” e “Torna Maggio!”. Tra le altre sue composizioni più celebri ci sono brani come “Maria, Mari!”, “Nuttata A ‘Mmare!…”, “‘O Scoglio ‘E Frisio”, “Pusitano Bello!” e la sua “ultima canzone” prima della morte, intitolata proprio “L’Urdema Canzona Mia!”

 

Era De Maggio (Di Giacomo, Costa 1885)

Parte I

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,

a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.

Fresca era ll’aria e tutto lu ciardino

addurava de rose a ciento passe.

Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,

na canzone cantávamo a doje voce.

Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo,

fresca era ll’aria e la canzona doce.

 

E diceva: “Core, core,

core mio, luntano vaje,

tu mme lasse, io conto ll’ore.

Chisà quanno turnarraje”.

 

Rispunnev’io: “Turnarraggio

quanno tornano li rrose.

Si stu sciore torna a maggio,

pure a maggio io stóngo ccá.

Si stu sciore torna a maggio,

pure a maggio io stóngo ccá”.

 

Parte II

E só’ turnato e mo, comm’a na vota,

cantammo ‘nzieme lu mutivo antico.

Passa lu tiempo e lu munno s’avota,

ma ‘ammore vero no, nun vota vico.

De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,

si t’allicuorde, ‘nnanz’a la funtana.

Ll’acqua, llá dinto, nun se sécca maje

e ferita d’ammore nun se sana.

 

Nun se sana. Ca sanata,

si se fosse, gioja mia,

‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,

a guardarte io nun starría.

E te dico: “Core, core,

core mio, turnato io só’.

Torna maggio e torna ‘ammore.

Fa’ de me chello che vuó’.

Torna maggio e torna ‘ammore.

Fa’ de me chello che vuó’”.

 

‘O Ciardeniello Mio! (V. Russo, A. Montagna 1894)

 

Parte I

Tengo ‘nu ciardeniello

Overo nummer’uno,

Mammella mia m’ha ditto:

«Nun l’arapì a nisciuno.»

Ve pare mo ca Ttore,

‘O ‘nnammurato mio

‘O pozzo caccià fore

Si tene ‘stu gulio?

Quann’isso vene ‘a sera,

Comme me fa arraggià!

Dint’ ‘o ciardino mio

Vo’ sempe pazzià.

 

Parte II

Mmiez’a chistu ciardino

Nce sta’ na bella rosa,

‘Na rosa ‘ncappucciata

Majateca e addirosa.

Tore se n’è addunato

‘E chella rosa bella,

‘E mo ‘nce sta ncanato,

‘Nce ‘a puost’ ‘a passiuncella.

‘Stu chiappetiell’ ‘e ‘mpiso

Cumme me fa arraggià!

Afforza ‘nfaccia ‘a rosa

Se vò venì a spassà.

 

Parte III

Paricchie giuvinotte

Tenevano ‘o gulie

‘E pazzià nu poco

Dint’ ‘o ciardino mio

Ma mo l’anno capito

Ch’avevano sbagliato,

Chi me sarrà marito,

Sarrà nu furtunato.

Pe ‘stu ciardino mio

Vuie mo stat’a sperì

Pe nu murzillo d’aria

Vurrisseve… Trasì?

 

Per gli altri articoli di Giovanni Battista clicca qui.

Related Posts

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *